L’ACCADEMIA CHIGIANA È GRATA ALLA FONDAZIONE CANDIDO SPERONI E CARLA FENDI SPERONI PER IL SOSTEGNO DATO

L’Accademia Musicale Chigiana è stata una delle ultime mete raggiunte da Carla Fendi Speroni.
Carla Fendi e il marito Candido Speroni sono sempre stati un punto di riferimento per tutti coloro che promuovono e producono l’arte in Italia. Non è un caso che sia stata la Toscana, culla della cultura moderna, a farli incontrare e a far nascere in loro la scintilla per tante gloriose imprese compiute insieme. Erano i primi anni Cinquanta, quando l’adolescente Carla, cercando nella fresca, pura e montagnosa aria di Piancastagnaio la soluzione per guarire da una brutta febbre reumatica, trovò nel giovane figlio del farmacista locale il partner perfetto che l’avrebbe accompagnata per tutta la vita. “Mio marito mi ha spinto a diventare una mecenate”, raccontava parlando del suo compagno di vita, Candido Speroni.
La passione per la musica nasceva in Candido Speroni dall’esempio del padre, il dottor Osvaldo Speroni, uomo di raffinata cultura, che si era diplomato al Conservatorio di Firenze sotto la guida di Alfredo Casella, con diploma di pianoforte, firmato da Pietro Mascagni.

Entrambi appassionati di musica, Carla Fendi e Candido Speroni hanno compiuto un’azione di mecenatismo che nel corso del tempo si è fatta sempre più sensibile. Un momento fondamentale è stato nel 2007, con la costituzione della Fondazione Carla Fendi, che opera con azioni di sostegno alle arti, all’artigianato e al sociale.
Ma già negli anni Ottanta era maturata una grande attenzione per Spoleto e il suo Festival. Erano gli anni del fondatore Giancarlo Menotti, che divenne un grande amico di Carla Fendi. Spinta da Candido Speroni e dall’amore che legava entrambi alla città di Spoleto, nel 2012 Carla Fendi dà avvio a un progetto finalizzato al recupero storico artistico del Teatro Caio Melisso, uno dei più importanti monumenti della città, e che dopo una significativa ristrutturazione è stato riconsegnato alla città, nel 2015.

Tra le molte istituzioni sostenute dalla Fondazione Carla Fendi e dalla Fondazione Candido Speroni spicca l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, della quale è una dei principali mecenati dal 2010. Nella stagione 2015-2016 è stata presentata una nuova opera di Fabio Nieder, dal titolo Danza lenta di C.S. fra gli specchi, commissionata appositamente dall’Accademia Nazionale di Santa Cecilia per ricordare la figura di Candido Speroni (nel titolo citato con C e S puntate).

La Fondazione ha inoltre promosso eventi e supportato progetti nell’ambito della difesa ambientale, della pubblicazione di opere letterarie, di opere d’arte e di libri. Sono “operazioni di puro mecenatismo – precisava Carla Fendi -, non sponsorizzazioni”.

La Fondazione Candido Speroni e Carla Fendi Speroni, nell’amore per la musica che ha sempre accompagnato i suoi protagonisti, sostiene l’Accademia Musicale Chigiana nella sua attività di formazione e avvio alla carriera dei giovani talenti del concertismo internazionale.

L’accordo tra la Fondazione e la prestigiosa istituzione senese, esempio estremo della appassionata e al tempo stesso ferrea volontà di sostenere la grande musica, da loro tanto amata, si concretizza con una erogazione che consentirà di assegnare tre borse di studio riservate ai migliori allievi della classe di pianoforte tenuta da Lilya Zilberstein nell’ambito dei corsi di perfezionamento estivi di alto perfezionamento musicale che si terranno all’interno del “Chigiana International Festival & Summer Accademy”, intitolato quest’anno In Nomine Lucis. L’Accademia è dunque particolarmente orgogliosa di rendersi partecipe di un grande amore per la musica che si proietta nelle future generazioni.

La consegna delle borse di studio, intitolate alla Fondazione Candido Speroni e Carla Fendi Speroni, sarà effettuata durante il concerto finale del corso di pianoforte (Concerto Factor) in programma il 9 agosto alle ore 21:15 nel prestigioso Salone dei Concerti di Palazzo Chigi Saracini.