24 gennaio 2020

Alexander Romanovsky

pianoforte

Ludwig van Beethoven
33 Variazioni su un valzer di Anton Diabelli op. 120

Nell’anno beethoveniano non poteva mancare una serata monografica dedicata alle Variazioni Diabelli, affidate a uno dei massimi specialisti di questo capolavoro e protagonista assoluto della nuova scena pianistica mondiale: il pianista italo-ucraino Alexander Romanovsky, vincitore ad appena diciassette anni del Concorso Busoni di Bolzano.

Alexander Romanovsky, nato in Ucraina e diplomatosi presso il Royal College of Music di Londra, a diciassette anni vince il Primo Premio al Concorso Busoni di Bolzano. È ospite di molti palchi tra i più prestigiosi al mondo e si esibisce regolarmente con le maggiori orchestre in Europa, Asia e nelle Americhe, collaborando con direttori quali Gergiev, Pletnev, Pappano, Conlon, e molti altri. Dal 2014 Alexander Romanovsky ricopre la carica di direttore artistico del Vladimir Krainev Moscow International Piano Competition.