CELEBRAZIONI IN ONORE DEL CONTE GUIDO CHIGI SARACINI NEL 50° ANNIVERSARIO DELLA SCOMPARSA

APPUNTAMENTI A PALAZZO 2015/2016


Programma a cura di Stefano Jacoviello

L’Accademia Chigiana festeggia il suo fondatore a cinquant’anni dalla scomparsa con una serie di iniziative, mostre, pubblicazioni e appuntamenti rivolti al pubblico e alla cittadinanza. Dopo un primo assaggio offerto il 10 luglio con l’apertura speciale del nuovo Festival Internazionale, dall’ottobre 2015 al maggio 2016 più di venti incontri animano le stanze di Palazzo Chigi Saracini e altri luoghi dell’arte e della cultura cittadina come il Duomo, la Basilica dei Servi, il Collegio Tolomei, riportando alla luce scritti, opere, suoni e immagini legate alla vita del conte Guido. Eventi musicali straordinari incroceranno il calendario della Micat In Vertice 2015-2016. Con gli Appuntamenti a Palazzo, studiosi e musicisti di fama internazionale, giovani artisti e rappresentanti di istituzioni del tessuto culturale cittadino, sono invitati ad incontrarsi e confrontarsi intorno agli interessi di Guido Chigi, intrecciando piacevolmente la conversazione informale con la musica, quasi sempre dal vivo. Racconteremo del Conte e del suo impegno nel valorizzare il patrimonio antico e moderno, custodito, acquisito o prodotto con le attività dell’Accademia. Spaziando fra le arti, riscopriremo l’ambiente intellettuale che andava raccogliendosi a Siena nella metà del secolo scorso attorno alla sua personalità. Ricorderemo l’impulso dato allo sviluppo culturale della città nella prima metà del Novecento, per riscontrarne l’importanza e le ricadute attuali. Il Conte partecipò alla Grande Guerra da volontario, al volante di una autoambulanza. In coincidenza con il centenario del primo conflitto mondiale, l’Accademia promuoverà la pubblicazione dei suoi Diari di Guerra, corredati di note e commenti in un volume a cura di Giuliano Catoni e Paolo Leoncini edito da Il Mulino. L’uso delle tecnologie digitali invece permetterà a studiosi e appassionati l’accesso libero ad alcuni scritti commissionati direttamente dal Conte a musicologi, storici dell’arte, insigni maestri, e ad altre risorse conservate nella Biblioteca dell’Accademia.
.

Oltre Palazzo Chigi Saracini, altri luoghi legati alla vita di Guido Chigi apriranno le porte al pubblico. Ci si incontrerà a Palazzo al Piano, residenza di campagna nel territorio di Sovicille, per passeggiare insieme nelle sue terre. Altre mostre, organizzate con il supporto dell’Accademia, verranno dedicate al Conte presso il Circolo degli Uniti e nei locali della sede storica della Contrada Sovrana dell’Istrice, di cui fu Priore. Accanto alla secolare tradizione dell’Università, durante il Novecento la Chigiana ha donato a Siena un occhio per guardare – attraverso la lente della musica – l’Italia, l’Europa, e talvolta il mondo, con il privilegio di essere ricambiata. Le celebrazioni del Cinquantenario devono costituire un’occasione per riprendere il filo dove il Conte lo aveva lasciato, e riportare pienamente la Chigiana al suo ruolo di centro culturale coinvolgendo molte delle risorse intellettuali presenti in città, insieme ad altre personalità che a vario titolo si sentono legate all’ Accademia. Aprendo le porte di Palazzo Chigi Saracini vogliamo offrire al pubblico l’opportunità di frequentare l’Accademia in modi diversi da quelli abituali, per riappropriarsi attivamente di un’eredità culturale importante che ha il diritto di essere considerata un “bene comune”.

Appuntamenti a Palazzo è un’iniziativa realizzata in collaborazione con Università di Siena, Istituto Superiore di Studi Musicali “Rinaldo Franci” – Siena, Conservatorio di Musica “Luigi Cherubini” – Firenze, Japan Foundation – Istituto Giapponese di Cultura a Roma, DHI-Deutsches Historisches Institut in Rom, Istituto Italiano per la Storia della Musica, Soprintendenza ai Beni Architettonici e per il Paesaggio per le province di Siena e Grosseto, Opera della Metropolitana di Siena, Sky Classica HD, Università per Stranieri di Siena, Comune di Sovicille, Magistrato delle Contrade, Convento dei Servi, Contrada Sovrana dell’Istrice.
FRANCI OperaLab è un progetto dell’Istituto Superiore Musicale “R. Franci” con Accademia Chigiana, condotto dal M° Laura Polverelli; il Coro dell’Istituto Franci è diretto dal M° Antonio Morelli; l’ensemble di musica da camera per fiati del Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze è diretto dal M° Guido Corti;
Il progetto Chigian@scuola è sviluppato in collaborazione con il prof. Vincenzo Vullo e il prof. Francesco Ricci dell’Istituto d’Istruzione Superiore E.S. Piccolomini, Siena.
Scarica il leaflet