MARTEDI’ 11 GIUGNO ALLE ORE 19.30 QUARTO APPUNTAMENTO DELLA “MAESTRO CONCERTS SERIES”

Primavera Chigiana
Maestro Concert Series – Junior Concert Series

Siena, Palazzo Chigi Saracini e altri luoghi, dal 24 maggio al 28 giugno

Proseguono i martedì della “Maestro Concerts Series”

Il soprano Camille King, il pianista Boris Berman, i violinisti Aaron Berofsky e Charles Wetherbee, il violoncellista Robert Demaine assieme ad Antonio Artese ospiti del quarto appuntamento a Palazzo Chigi Saracini

Martedì 11 giugno, Palazzo Chigi Saracini, ore 19.30

Musiche di Schubert, Brahms e Schumann

I biglietti dei concerti sono in vendita online, sul sito dell’Accademia Chigiana (http://www.chigiana.it/acquista-i-biglietti-2/) e al ChigianArtCafé di Palazzo Chigi Saracini

Biglietti: Maestro Concert Series, 10 euro; Junior Concert Series, 5 euro

Info: http://www.chigiana.it/wp-content/uploads/2019/05/pieghevole.pdf

Ore 19:00: Aperitivo musicale con i giovani allievi del C-GAP nel cortile di Palazzo Chigi Saracini
Ingresso gratuito

Siena, lunedì 10 giugno 2019 – Martedì 11 giugno alle 19.30 nel Salone dei Concerti di Palazzo Chigi Saracini, consueto appuntamento con la Primavera Chigiana, che mette in cartellone il quarto concerto della Maestro Concerts Series. In scena tornano gli straordinari musicisti attualmente impegnati nelle vesti di docenti nel C-GAP (Chigiana Global Academic Program), in corso a Palazzo Chigi da fine maggio, in un programma musicale che declina – al pianoforte, con la voce e in formazione quartettistica – l’idioma musicale tedesco ottocentesco, fortemente impregnato della cantabilità popolaresca del Volkslied, rivalutato, rilanciato, e finanche mitizzato in epoca romantica, quale testimonianza di un ritrovato “spirito nazionale”.
Apre il concerto, a una settimana di distanza dalla sua prima esibizione a Siena, il grande pianista russo Boris Berman che si presenta nuovamente in veste solistica per interpretare la monumentale Sonata in la maggiore n. 20 D 959 di Franz Schubert, tra le più grandi opere di tutta la letteratura pianistica, ultimata da Schubert nel 1828, a pochi mesi dalla morte. Il programma si espande liricamente sulle note del Lieder Gestilte Sehnsucht Op. 91 di Johannes Brahms (1833-1897), dove la voce di Camille King, accompagnata da Antonio Artese, pianista e compositore oltre che direttore dei Chigiana Global Academic Programs, dialogherà pariteticamente con la viola di Kathryn Votapek, su di un testo poetico di Friedrich Rückert che si ispira di al grande tema romantico della “nostalgia placata”.
L’excursus romantico si arresterà sulle note del Quartetto in la minore op. 41 n.1 di Robert Schumann, presentato da una compagine all stars che comprende i violinisti Aaron Berofski e Charles “Chas” Wetherbee, la Votapek alla viola e Robert De Maine al violoncello. Sin dall’Introduzione grave e solenne del Quartetto op. 41 n. 1, dove il tema melodico scorre e acquista densità di espressione passando da uno strumento all’altro, nel rispetto della classica dinamica della “forma-sonata”, si avverte un’influenza compositiva beeethoveniana. L’Andante e l’Allegro successivi sono pregni di quell’affettuosa cantabilità intimistica, che è tipica della sensibilità romantica schumanniana. La frase ritmicamente tagliente e ansiosa dello Scherzo, forse ricavata da un trio di Heinrich Marschner, è stata utilizzata da Schumann anche in uno dei suoi mirabili Lieder per canto e pianoforte. Di linea liederistica è anche l’Adagio che fa pensare a quei movimenti ascensionali e spiritualmente disincantati presenti nelle sinfonie dello stesso autore, mentre il finale è travolgente, dominato da accenti popolareschi e con richiami ai suoni dolci della cornamusa.
La Primavera Chigiana, in scena a Palazzo Chigi Saracini e altri luoghi senesi fino al 28 giugno, per lasciare poi spazio il 6 luglio al Chigiana International Festival, rappresenta a sua volta un’imperdibile occasione per intercettare a Siena alcuni dei più grandi interpreti della scena musicale internazionale. Tra i prossimi ospiti del festival, il 25 e 28 giugno, in particolare il Carpe Diem Quartet, formazione cameristica applaudita in tutto il mondo per le sue scelte di repertorio, che accostano la grande tradizione quartettistica a composizioni d’ispirazione gitana, tango, folk, pop, rock, e jazz.

I biglietti dei concerti sono in vendita online sul sito dell’Accademia Chigiana e al ChigianArtCafé. L’acquisto di un ingresso al concerto al ChigianArtCafé comprende una consumazione al ChigianArtCafé: una ragione in più per visitare lo spazio, multimediale e immersivo, di Palazzo Chigi Saracini anche durante la settimana. Inoltre tutte le sere, dal 24 maggio al 28 giugno (ad esclusione del 30 e 31/05 e del 01/06), il ChigianArtCafè ospiterà alle ore 19:00 gli aperitivi musicali che vedranno i giovani allievi del C-GAP esibirsi per 15 minuti nel cortile di Palazzo Chigi Saracini (con ingresso gratuito).

Biografie

Soprano e Professore aggiunto di Voce, Camille King è entrata a far parte della Facoltà vocale della Southern Methodist University Meadows School of the Arts nel 2010. Ha studiato canto con il tenore canadese Leopold Simoneau al Conservatorio di San Francisco e in seguito con il soprano americano Judith Raskin alla Manhattan Scuola di musica. Ha conseguito un Bachelor of Arts in francese all’Università della California. Camille King ha debuttato in parti primo piano in produzioni dell’Opera di Roma, dell’Opera di Innsbruck, dell’Opera di San Francisco, dell’Opera del Minnesota, della Central City Opera, della Chautauqua Opera e del Colorado Opera Festival. Ha cantato in veste solista con il Los Angeles Master Chorale, la Virginia Symphony, la Santa Barbara Symphony, la Tulsa Oratorio Society e la Los Angeles Mozart Orchestra. In Texas, si è esibita con la Richardson Symphony, la Fort Worth Symphony, la Austin Symphony e la Texas Camerata. Camille King ha una fiorente carriera in ambito cameristico, ed è particolarmente nota per le sue interpretazioni mozartiane, di musica antica e del repertorio vocale francese. Recenti impegni includono esibizioni con i membri del Philharmonia Baroque di Port Townsend, Wash all’interno della serie concertistica Centrum; un programma dedicato alla musica da camera francese a Los Angeles (La Bonne Chanson di Faure); la partecipazione all’esecuzione delle Cantate di Bach n.51 e n.199 a Fort Worth e Dallas e interpretazioni cameristiche di Schumann, Schubert e Donizetti a Dallas e Los Angeles.

Boris Berman, immenso pianista di origini russe “la cui musicalità e le cui risorse tecniche sono apparentemente senza limiti”, secondo il NY Times. Il pianista, attualmente impegnato in una tournée che toccherà oltre all’Italia, Austria, China, Francia, Gran Bretagna, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna e USA, interpreterà al pianoforte una selezione di Sonate di Haydn, addentrandosi in un repertorio che darà modo d’assaporare la sua straordinaria raffinatezza poetica. Appassionato didatta, insegnante di livello internazionale, Boris Berman ha lavorato nelle facoltà delle migliori scuole del mondo, come le università dell’Indiana (Bloomington), Boston, Brandeis e Tel Aviv. Attualmente dirige il Dipartimento di pianoforte alla Yale School of Music. Tiene anche corsi di perfezionamento in tutto il mondo tra cui, per la prima volta quest’anno, il C-GAP Chigiana Global Academic Program in corso a Palazzo Chigi Saracini in questi giorni.

Elogiato dal New York Times Robert De Maine è il primo violoncello della Los Angeles Philharmonic. Artista e camerista molto ricercato, è ospite regolare dei più importanti festival di musica da camera del mondo, compresi quelli di Marlboro, Seattle, Great Lakes, Limoges, Heidelberg Schlossfest, Chamberfest Cleveland, Montréal, Seoul Ditto Festival e più recentemente ha partecipato come solista al Piatigorsky Cello Festival 2016. La sua abilità strumentale è connotata da “bellissimo timbro, precisione tecnica lapidaria e un’identificazione persuasiva con qualsivoglia idioma musicale”. Come solista, esegue le grandi opere del repertorio sia antico sia moderno, dai concerti di Haydn, Dvorak, Elgar a Penderecki, così come i più recenti lavori di John Williams e Christopher Theofanidis. Esegue il grande repertorio per violoncello e pianoforte, nonché le suite di J.S. Bach. De Maine appare regolarmente sul palco della Carnegie Hall e del Lincoln Center, del Kennedy Center, del Teatro Colón, del Concertgebouw Amsterdam, della Philharmonie di Berlino, della Konzerthaus di Vienna, della Sala Tchaikovsky di Mosca, dell’Auditorium du Louvre, della Suntory Hall e del Centro delle Arti di Seoul, dello Shanghai Oriental Arts Centre and Conservatory e della Wigmore Hall di Londra, tra altri. Ha ricevuto una borsa di studio dalla Fondazione Helen M. Saunders e il dono di un violoncello Vuillaume della Fondazione Cecilia Benner. I suoi insegnanti principali includono Leonard Rose, Stephen Kates, Steven Doane, Paul Katz, Luis García-Renart e Aldo Parisot. Masterclass e ulteriori studi sono stati intrapresi con Bernard Greenhouse, János Starker, Boris Pergamenschikow, Felix Galimir e Jerome Lowenthal.

Nato a Buffalo, New York, Charles Wetherbee ha tenuto il suo primo concerto pubblico all’età di sei anni. Ha debuttato con la Buffalo Philharmonic Orchestra sotto Symon Bychkov, e da allora si è esibito con la National Symphony sotto la bacchetta di Mstislav Rostropovitch, così come la Japan Philharmonic, i Concerto Solists di Philadelphia, l’Orchestra Filarmonica di Bogotà (Columbia), la Nazionale Repertory Orchestra, l’Orchestra Sinfonica Nazionale del Messico, l’Orchestra Sinfonica del Curtis Institute, la Buffalo Philharmonic e la Virginia Symphony, tra altre. Il Washington Post ha definito Wetherbee “un artista consumato … con una tecnica impeccabile”. Incide per Naxos, Seize the Music Records, Weasel Records, Vienna Modern Classics, e Cascade, ed è stato anche protagonista di una registrazione con la Columbus Symphony Orchestra in Meditation di Thaïs di Massenet. Appassionato camerista, Wetherbee è il primo violinista del Quartetto d’archi Carpe Diem, con il quale si esibisce regolarmente, eligiato dal Washington Post “il Quartetto Carpe Diem, che appare alla chiesa di Dumbarton, è stato straordinario. Tra i quartetti contemporanei che “parlano” diversi idiomi musicali, il Carpe Diem è il migliore là fuori. “Si esibisce spesso con artisti al di fuori dell’ambito classico e ha collaborato con il compositore e chitarrista Andrew Lipke, il cantautore Willy Porter, il banjoista vincitore del premio Juno Jayme Stone e il vincitore del Grammy latino Raul Juarena, tra gli altri. Il primo incarico orchestrale di Wetherbee è stato come Secondo Violino principale con la National Symphony Orchestra a Washington DC. Dopo cinque anni in NSO, è stato primo violino di spalla della Columbus Symphony per sedici anni.

Aaron Berofsky si è esibito in tutti gli Stati Uniti e all’estero, ottenendo ampio riconoscimento come solista e musicista da camera. In veste solistica, si è esibito assieme a prestigiose orchestre negli Stati Uniti, Germania, Italia, Spagna e Canada. Ha eseguito il ciclo completo delle sonate per violino di Mozart al Festival Internazionale Deia in Spagna ed è stato ospite di Carnegie Hall, Alice Tully Hall, la 92nd Street Y, la Corcoran Gallery, Het Doelen, L’Octogone, il Teatro San Jose e il Museo de Bellas Artes. Incide per Sony, New Albion, ECM, Audio Ideas, Blue Griffin e Chesky. Berofsky è stato il primo violinista del Chester String Quartet dal 1992, definito “uno dei migliori giovani quartetti d’archi” dal Boston Globe, e lodato per “energia irrefrenabile e buon gusto instancabile” dal Los Angeles Volte. I membri del gruppo, che ha effettuato tour estensivi attraverso le Americhe e l’Europa, hanno collaborato con artisti come Robert Mann, Arnold Steinhardt, Franco Gulli, i membri del quartetto Alban Berg, Andres Diaz, Eugene Istomin e Ruth Laredo. Tra i progetti maggiormente degni di nota, l’esecuzione dei cicli completi dei quartetti di Beethoven e Dvorak e numerose registrazioni di Mozart, Haydn, Barber, Porter, Piston, Kernis e Tenenbom. Il Chester Quartet è stato quartetto residente all’Università del Michigan e all’Indiana University – South Bend. Forte, Il quarteto ha lavorato a lungo con molti dei più importanti compositori del ventesimo e del ventunesimo secolo, eseguendo, commissionando e registrando musica di John Cage, William Bolcom, Zhou Long, Michael Daugherty, Aaron Jay Kernis, Susan Botti e Bright Sheng.
Aaron Berofsky è primo violino di spalla della Ann Arbor Symphony Orchestra. Ha anche ricoperto il ruolo di primo violino dell’Orchestra Sinfonica di Bilbao, della Juilliard Orchestra e della Lansing Symphony. Si esibisce spesso con la Camerata Adriatica come solista e continua ad apparire regolarmente in recital e festival in tutto il Nord America e in Europa.

Membro del Chester String Quartet per 15 anni, la violinista Kathryn Votapek ora mantiene una carriera attiva come solista e artista ospite nei maggiori festiva cameristici degli Stati Uniti, in Canada e in Europa. Ha partecipato a numerosi progetti di commissione e può essere ascoltata con il Chester Quartet sulle etichette Koch International Classics e New Albion. Si esibisce come violinista e violista con il Votapek Trio, assiema al pianista Ralph Votapek e al clarinettista Paul Votapek, e in duo con suo marito, il violinista Aaron Berofsky. Kathryn Votapek è stata membro della facoltà della Meadowmount School of Music, dell’Interlochen Arts Camp, del Madeline Island Music Camp, del Las Vegas Music Festival, del Quartet Program, del Banff International Festival, dell’Adriatic Chamber Music Festival (Italia), e del Peter de Grote Summer Academy (Olanda), oltre a esibirsi al Klosterkammerfest (Germania), allo Speedside Festival (Canada), all’International Deia Festival (Spagna), al Garth Newel Festival, al Fontana Festival e ai Chicago Chamber Musicians. È attualmente docente all’Università del Michigan ed è Concertino della Ann Arbor Symphony Orchestra. Negli anni precedenti è stata Professore associato di violino e artista residente all’Indiana University – South Bend. Si è laureata in musica all’Indiana University e ha conseguito un master presso la Juilliard School. Ha studiato con Robert Mann, Franco Gulli e Angel Reyes.

Antonio Artese è pianista e compositore. Diplomato in pianoforte presso il Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma, ha studiato Filosofia teoretica presso l’Università di Chieti, e successivamente si è specializzato in musicologia all’Università di Bologna. Ha ricevuto il DMA in Pianoforte Performance presso l’Università della California a Santa Barbara. Compositore e arrangiatore, ha inciso numerosi album in vari progetti musicali, e si è esibito sia negli Stati Uniti che in Europa. È fondatore e direttore artistico di numerosi festival in Italia (Festival Brainwaves, Firenze – Festival Adriatico delle Musiche, Termoli – Corsi Musicali, Alba – Festival Adriatico di Musica da Camera, Bonefro). Il suo stile personale unico e le sue abilità sia quale improvvisatore e jazzista sia come musicista classico, gli permettono di essere a suo agio in un’ampia gamma di idiomi musicali, incluso il jazz e l’improvvisazione contemporanea. Tra le sue registrazioni, gli album per pianoforte “Italian Sketches”, New York, Digital Domani 1996, “Live in Santa Barbara”, Lotte Lehmann Hall, Opus 1, Santa Barbara, 2008, “The Change” Antonio Artese Trio, Music CD, Siena, Italia, 2006 e “Voyage” con Mirco Mariottini, clarinetto, Gabriele Evangelista, basso e Alessandro Marzi, batteria, Sangallo Records 2014. Antonio Artese si è esibito come ospite in numerosi festival internazionali in Italia, Belgio, California, Svezia, Londra, Spagna, tra gli altri.

Nicoletta Tassan Solet
media relations
nicoletta.tassan@gmail.com
cell: + 39 348 64 18 066