DOMENICA 24 NOVEMBRE, MESSA NELLA BASILICA DI SAN FRANCESCO

A ricordo del Bicentenario Verdiano, domenica 24 novembre nella Basilica di San Francesco la S. Messa di precetto delle ore 11.15 sarà officiata nella forma cantata ad opera del Coro Agostino Agazzari, della Cattedrale di Siena, diretto da Cesare Mancini.

L’iniziativa è promossa dall’Associazione Amici dell’Accademia Musicale Chigiana – Friends of Chigiana Musical Academy, e ha ottenuto il patrocinio dell’Accademia Musicale Chigiana.

Questo il programma:

Ingresso                                    Cristoforo Piochi, Christus factus est

Kyrie                                          Missa VIII De angelis

Gloria                                        Missa VIII De angelis

Acclamazione al Vangelo            Alleluja gregoriano

Offertorio                                   De la Rue, O salutaris hostia

Sanctus                                     Missa VIII De angelis

Agnus Dei                                  Missa VIII De angelis

Comunione                                Palestrina, Sicut cervus

Uscita                                        Josquin Des Pres, Tu solus

 

Tra i brani, va ricordato in particolare quello di ingresso, la cui storia, ricostruita da Cesare Mancini, costituisce un significativo brano della storia della musica senese. Si tratta di un brano composto dal senese Cristoforo Piochi (deceduto nel 1675), che lo scrisse per la Cappella del Duomo di Siena. Mancini dapprima lo ha scoperto in una copia che ne fece Ettore Romagnoli alla fine del Settecento: tale copia lo assegnava come brano anonimo, semplicemente intitolandolo Cristus del Duomo [sic]. In seguito, Cesare Mancini ha rintracciato un’altra copia, nella quale si specificava che tale brano era opera del Piochi, e che quella versione era frutto di un “aggiornamento” fatto alla metà del Settecento da un altro maestro di cappella senese, Tommaso Redi. In definitiva, questo Christus era un cavallo di battaglia della Cappella del Duomo senese che venne eseguito durante la Settimana Santa, con interessanti rimaneggiamenti a seconda dei mutati gusti, per circa due secoli.

Oltre a celebrare il Bicentenario della nascita di Verdi, l’iniziativa è promossa anche in considerazione del fatto che il primo centenario (1913) era stato onorato dal Conte Guido Chigi Saracini con la celebrazione della Messa da Requiem di Verdi proprio nella Basilica di San Francesco, evento che rimase celebre in Siena e che rappresentò la prima reale scaturigine dell’Accademia Chigiana.

Tutti gli Amici e la cittadinanza sono invitati.