Doppio appuntamento in Chigiana per celebrare Claudio Monteverdi

La Chigiana festeggia i 450 anni dalla nascita di Claudio Monteverdi. E lo fa il 9 novembre con uno speciale doppio appuntamento a Palazzo Chigi Saracini.
Le porte del Salone si apriranno per condurre il pubblico a guardare da vicino l’opera del compositore che quattro secoli fa ha trasformato la musica occidentale, dandole la forma che ancora oggi continuiamo ampiamente ad ascoltare, dal teatro musicale alle canzoni pop.

Alle 18.00, Agostino Ziino, presidente dell’Istituto Italiano per la Storia della Musica, converserà con Stefano Jacoviello sulla grande rivoluzione operata da Monteverdi nel teatro, nella musica sacra e profana. Fra filmati inediti e le più recenti scoperte, un continuo dialogo fra il passato e l’attualità farà emergere quanto l’arte del “divo Claudio” ancora ci riguarda. Ziino si soffermerà poi sulla Missa “In Illo Tempore” (1610) e su le “Lacrime d’amante al sepolcro dell’amata” dal VI Libro dei Madrigali (1614), capolavori monteverdiani che verranno eseguiti dal coro Opera Polifonica di Firenze e dai Polifonici Senesi diretti da Raffaele Puccianti alle 20.45.
Alle composizioni di Monteverdi seguirà il “Regina Coeli” di Heinrich Isaac (1450-1517), grande autore tedesco nelle corti del Rinascimento Italiano, di cui cade il cinquecentenario della scomparsa.
L’ingresso è gratuito.

Opera Polifonica è un ensemble vocale fondato nel 1995 dal suo direttore Raffaele Puccianti, specializzato nel repertorio sacro a cappella fiammingo, italiano, spagnolo ed inglese compreso tra il ‘400 e il ‘600. Insieme all’Accademia Musicale di Firenze ha messo in scena nel 2003 “The Tempest” con musiche di H. Purcell; nel 2002 ha registrato un documentario sul Bargello di Firenze per la D.N.A International e la RAI, trasmesso poi da RAI Educational e da altre emittenti europee; nel 1998 ha eseguito in diretta la “Missa Papae Marcelli” di G. P. da Palestrina per la trasmissione Radio 3 Suite. Opera Polifonica ha un’attività discografica all’attenzione della critica internazionale, con la registrazione della Missa “O Regem Coeli” di G. P. da Palestrina; la musica a otto voci di Francesco Soriano e Annibale Stabile. Opera Polifonica ha collaborato con la direttrice Johanna Kanuf, l’Ensemble strumentale “Estro Armonico”, l’Orchestra Giovanile di Firenze, Federico Maria Sardelli e l’Ensemble Modo Antiquo per la realizzazione degli Intermedi de la Pellegrina in occasione di due concerti a Firenze. Nel 2011 Opera Polifonica è stata diretta da Peter Phillips (celebre direttore del gruppo inglese “The Tallis Scholars”) per un importante concerto dedicato a T. L. de Victoria in occasione dell’anniversario della morte. Nel mese di Novembre 2015 ha festeggiato il 25° anniversario con un concerto sotto la direzione di Peter Phillips presso la Basilica di San Lorenzo a Firenze.

Nato nel 1983 sotto la guida del M° Francesco Galli, il Coro Polifonici Senesi ha dedicato un attento lavoro alla riscoperta del patrimonio musicale senese, spaziando dal Rinascimento di A. Giliardi, al Barocco di A. Agazzari, fino al Novecento della Lauda per la Natività del Signore, commissionata dal conte Guido Chigi Saracini a O. Respighi per l’apertura della Micat in Vertice del 1930.
Vincitori di premi nazionali e internazionali con la direzione del M° Antonio Morelli, i Polifonici Senesi hanno più volte collaborato con l’Accademia Musicale Chigiana, esibendosi durante diverse edizioni della Settimana Musicale Senese e della Micat in Vertice, partecipando all’allestimento de La Traviata di G. Verdi (1995), dell’Evgenij Onegin di S. Prokof’ev (1996), dei Vesperae solennes de Confessore di W.A. Mozart (1997), del Liederspiel Die Heimkehr aus der Fremde di F. Mendelssohn (2005).
Diretti dal M° Silvio Segantini al 1999, hanno ampliato significativamente il loro repertorio eseguendo capolavori di Josquin Des Prez, Giovanni Gabrieli, Claudio Monteverdi, Antonio Lotti, Felix Mendelsshon, Benjamin Britten, Arvo Pärt, a cui si è aggiunta una prima esecuzione del compositore fiorentino Fulvio Caldini (Double Kyrie op.67 per coro ad otto voci ed organo, del 1998). Dal 2003 il coro prosegue la sua attività sotto la direzione del M° Raffaele Puccianti.
Per l’etichetta EMA RECORDS, i Polifonici Senesi hanno registrato “Musica sacra e profana nell’antica Siena”, un CD interamente dedicato a musica di autori senesi del 500’.

Pianista e direttore di coro, Raffaele Puccianti è nato a Firenze nel 1972 ed ha compiuto gli studi musicali al Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze diplomandosi in pianoforte con pieni voti e lode nella classe di Rosa Maria Scarlino, studiando composizione e lettura della partitura con Salvatore Sciarrino e Romano Pezzati. Si è perfezionato in pianoforte al Conservatorio di Stato di S. Pietroburgo con Murina Ek. Alexeevna. Nel 1996 si è diplomato al I corso triennale “Fosco Corti” di qualificazione professionale per direttori di coro organizzato dalla Fondazione “G. D’Arezzo”, dalla Comunità Europea e dalla Regione Toscana, studiando con i maestri René Clemencic, Gary Graden, Diego Fasolis, Marco Balderi, Roberto Gabbiani, Francesco Luisi, Romano Pezzati, Piergiorgio Righele.
Fondatore dell’ensemble Opera Polifonica dell’Accademia Musicale di Firenze ha collaborato frequentemente con Peter Phillips e The Tallis Scholars. È direttore del coro Polifonici Senesi di Siena e del Coro Schola Cantorum dell’Associazione Musicale “Carmen Campori” di Incisa Valdarno con il quale si è esibito a Bruxelles, Parigi, Praga, Colonia, Monaco di Baviera, in Cecoslovacchia, a Betlemme e Gerusalemme.
Da Febbraio 2010, è alla guida del Coro Harmonia Cantata di Firenze con cui ha effettuato diverse produzioni, collaborando con l’Orchestra i “Solisti Fiorentini”; “l’Orchestra da Camera Fiorentina”; la “Polska Iuventus Orchestra”; “l’Orchestra Regionale della Toscana” e il Quartetto “Magrigal”; “l’Orchestra Camerata Strumentale di Prato”; l’Orchestra “Promusica” di Pistoia; l’Orchestra “il Teatro dei Suoni” di Prato; l’orchestra “AgimusArte” e i direttori Ladislau Petru Horvath, Giuseppe Lanzetta, Andrea Fornaciari, Andrej Alexeev, Alessandro Pinzauti, Daniele Giorgi, Marco Balderi, Roland Böer. Ha collaborato con vari solisti tra cui Eva Mei, Marina Comparato, Filippo Adami, Ugo Guagliardo, Michal Chance, Deborah York, Gregorio Nardi, Monica Bacelli, Antonia Brown.
Nel 2014 ha collaborato con il Coro del Maggio Musicale Fiorentino come pianista e “altro maestro del Coro”. Dal 2015 è direttore del Chigiana Children’s Choir, nuova formazione corale di bambini dell’Accademia Musicale Chigiana di Siena.