GIUSEPPE ETTORRE

Primo contrabbasso solista dal 1991 dell’Orchestra e della Filarmonica della Scala, in cui è entrato nel 1987 sotto la direzione musicale di Riccardo Muti, Giuseppe Ettorre svolge anche una intensa attività cameristica e concertistica.
Nato a Ravenna da genitori calabresi, ha studiato sino al diploma con Leonello Godoli a Forlì, e successivamente per cinque anni con Franco Petracchi a Cremona e a Siena presso l’Accademia Chigiana.
Vincitore nel 1991 del Concorso dell’ ARD di Monaco di Baviera , è stato premiato anche al Concorso “Bottesini” di Parma nel 1989.
Socio fondatore e Presidente dell’Ensemble Strumentale Scaligero e Consigliere di Amministrazione della Filarmonica della Scala da oltre 25 anni, fa parte anche del gruppo “I Cameristi della Scala” e ha registrato su CD opere di Bach con la clavicembalista Emilia Fadini e di Rossini, Bottesini, Berio, Henze, Piazzolla per l’etichetta “NBB Records”.
Di recente uscita il CD Sextet (etichetta Decam-Tdd/Edel), che comprende sedici sue composizioni da cui traspare l’interesse per forme musicali moderne, dal jazz alla new age. In tale contesto ha suonato in quintetto anche con Bobby Mc Ferrin, e in trio con Stefano Bollani in un concerto con la Filarmonica della Scala e Riccardo Chailly registrato su DVD per la Decca.
Fra i concerti solistici, ha suonato con l’Orchestra dei Bayerischen Rundfunks, la Filarmonica della Scala (“Per questa bella mano” di W.A.Mozart, Gran Duo Concertante di G.Bottesini) e l’Orchestra OSPA di Porto Alegre in Brasile (Concerto di Nino Rota), dove è poi ritornato come docente nel gennaio 2015 al Festival Internazionale di Pelotas.
In ambito cameristico ha collaborato anche con il Sestetto dei Berliner Philarmoniker, il Quartetto Borodin, il Quartetto della Scala e il Trio di Parma, con cui sta portando in tournèe nei principali teatri italiani il Quintetto La Trota di Schubert.
È docente a Milano presso l’Accademia della Scala e la Scuola Musicale, a cui si aggiungono masterclass in Italia e nel mondo.
Suona uno strumento di Custode Marcucci (1890 c.a.).

contrabbasso