Marchand/Clérambault

Mercoledì 14 Dicembre 2016 ore 18
Siena, Istituto Superiore di Studi Musicali “Rinaldo Franci”

Con Luca Oberti – clavicembalo

Louis Marchand (1669-1732) e Luis Nicolas Clérambault (1676-1749) sono fra i compositori più anarchici e dinamitardi vissuti in Francia a cavallo fra Sei e Settecento. Di Marchand è noto il virtuosismo, ma anche il carattere altezzoso e violento che, oltre alla separazione dalla moglie, gli causò l’allontanamento forzato da Versailles dove rivestiva l’incarico di organista del re. L’esilio però si trasformò presto in viaggio nelle capitali musicali di Italia e Germania. Bach, che lo considerava un cembalista eccezionale, lo ascoltò a Dresda. La leggenda vuole che si siano anche sfidati. L’assenza di Marchand da Parigi aveva permesso alla stella di Francois Couperin di sorgere ma, una volta tornato in patria, una lezione con lui divenne un “must” per nobili e ricchi borghesi disposti a pagare un Luigi d’oro per un solo breve incontro. Nella seconda parte della vita Marchand guadagnò moltissimo, ma conducendo una vita al di sopra delle sue possibilità finì i suoi giorni in miseria.
Nel 1699 la venerazione del pubblico aveva spinto l’editore Claude Roussel a stampare la prima raccolta di pezzi per clavicembalo di Marchand. Ma il virtuoso tradì presto il patto con l’editore, che si vide costretto a rimpiazzarlo con Clérambault, responsabile dei concerti privati del re.
Luca Oberti, talento italiano reputato uno dei più interessanti clavicembalisti nel panorama internazionale, ha dedicato a Marchand e Clérambault un avvincente lavoro discografico. Conversando con Stefano Jacoviello, Luca Oberti suonerà i brani dei due virtuosi, mostrando i rapporti fra lo stile francese e quello italiano attraverso il gusto per le sonorità che nascondono o svelano ritratti, sentimenti, passioni, affetti.
L’appuntamento, in via straordinaria, si terrà presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali “Rinaldo Franci” di Siena.

L’Ospite
Luca Oberti, nato a Bergamo nel 1982, dopo lo studio dell’organo si è dedicato al clavicembalo sotto la guida di Emilia Fadini e di Cristoph Rousset. Dalla prima ha ereditato l’amore per la ricerca e l’arte di insegnare clavicembalo e basso continuo, esercitata presso la Scuola Musicale di Milano, l’Accademia Santa Cecilia di Bergamo e presso i principali corsi internazionali di musica antica. Rousset invece lo ha voluto presto accanto a sé in teatro nell’allestimento di Iphigénie en Aulide e Iphigénie en Tauride di Gluck al Théatre Royal de la Monnaie di Bruxelles; Calisto di Cavalli, al Théatre des Champs-Elysées di Parigi; Semele di Händel al Beijing Poly Theatre per il Beijing Music Festival e Castor et Pollux di Rameau al Theatre am der Wien. A capo del suo ensemble Xarabande continua a sviluppare l’estetica barocca affrontando repertori inusuali e incroci inattesi con le più diverse forme d’arte. Attualmente è impegnato con Marc Minkowski e Les Musiciens du Louvre nell’allestimento dell’Alcina di Haendel alla Wiener Staatsoper.

Il CD: Luca Oberti, Marchand Clérambault, Complete harpsichord works, Stradivarius, Milano 2015