MARIELLA DEVIA

Mariella Devia, nata a Chiusavecchia d’Imperia, studia al Conservatorio di Santa Cecilia a Roma, dove si diploma in Canto. Nel 1973 vince il concorso Toti Dal Monte e debutta nel ruolo di Lucia nella Lucia di Lammermoor. La sua interpretazione, alla quale darà l’addio nella stagione 2005/06 al Teatro alla Scala, segna un punto d’arrivo difficilmente superabile nella storia del belcanto, come le è stato unanimamente riconosciuto dal pubblico e dalla critica nei più importanti teatri del mondo.
Nel 1979 esordisce al Metropolitan Opera di New York, nella parte di Gilda nel Rigoletto. Al Metropolitan si esibirà per molti anni con grandissimo successo, interpretando, oltre al Rigoletto, Così fan tutte, Falstaff, Lucia di Lammermoor, Die Entführung aus dem Serail.
Alla Royal Opera House-Covent Garden di Londra è stata apprezzatissima interprete in Il flauto magico, Rigoletto, Die Entführung aus dem Serail e nella parte di Desdemona nell’Otello di Rossini.
Sul palcoscenico della Carnegie Hall di New York nel 1981 è Lakmé; nel 1983 Teresa in Benvenuto Cellini di Berlioz e in anni successivi Giulietta in I Capuleti e i Montecchi, Elvira in I Puritani, Adelia nell’omonima opera di Donizetti.
Il suo repertorio assai vasto, coerente e rigoroso, la rende protagonista di consensi critici e del favore del pubblico, che in tutti i teatri del mondo le riserva un’accoglienza entusiasmante. Insieme con il Metropolitan Opera di New York e il Covent Garden di Londra, la Carnegie Hall di New York, il Royal Concertgebouw di Amsterdam, il Lyric Opera di Chicago, lo Staatsoper di Monaco di Baviera, l’Opéra National e il Théâtre de Champs-Élysées di Parigi, il Teatro Real di Madrid, il Gran Teatre del Liceu a Barcellona, il Teatro dell’Opera di Tokyo, sono soltanto alcuni dei palcoscenici che la vedono interprete in ruoli primari.
Sulla scena dei maggiori teatri italiani e nelle più prestigiose manifestazioni musicali – Teatro alla Scala, San Carlo, La Fenice, Regio a Torino, Massimo a Palermo, Regio a Parma, Opera a Roma, Comunale a Bologna, Le Muse ad Ancona, Rossini Opera Festival, Maggio Musicale Fiorentino, Festival di Martina Franca, Ravenna Festival – oltre ai titoli sopra citati, Mariella Devia ha rappresentato i personaggi femminili di primo piano nella storia dell’opera lirica, ottenendo affermazioni personali di assoluto rilievo in ognuno dei ruoli eseguiti.
Le sue interpretazioni di alcune opere di Mozart – Die Entführung aus dem Serail, Il flauto magico, Così fan tutte, Le nozze di Figaro, Don Giovanni, Idomeneo – sono state accolte ovunque in modo molto positivo sottolineando la vocalità straordinaria del grande soprano e la sua forza interpretativa.
Nel corso della sua intensa e prestigiosa carriera Mariella Devia ha collaborato con alcuni tra i più autorevoli direttori d’orchestra tra i quali Riccardo Chailly, Zubin Metha, Riccardo Muti, Claudio Abbado, Richard Bonynge, Gianluigi Gelmetti, Wolfgang Sawallisch, James Levine, Georges Prêtre.
Nella stagione 2006/07 fa il suo esordio nel ruolo di Imogene, in “Il Pirata” di Vincenzo Bellini. Il suo repertorio belcantistico nel tempo si è arricchito di rari ed emblematici personaggi donizettiani: Lucrezia Borgia, Maria Stuarda, Anna Bolena. Nel novembre 2011 all’Opéra di Marsiglia ha debuttato il ruolo di Elisabetta I in Roberto Devereux, concludendo così il ciclo delle Regine donizettiane, unico soprano ad averle interpretate tutte. Nel 2012 ha debuttato il ruolo di Liù in Turandot di Giacomo Puccini. Nel 2013 Norma di Vincenzo Bellini, eseguendola da allora con continuità e con enorme successo, in una interpretazione filologica che lascia emergere tutta l’espressività del belcanto insieme con l’intensità drammatica, di cui l’opera è intrisa.
Tra i numerosissimi premi ottenuti, nel 2015 ha ricevuto a Londra l’Award International, come miglior soprano.
La discografia di Mariella Devia annovera numerose incisioni e diversi DVD. Tra i CD segnaliamo: Arie da opere (Bongiovanni), La sonnambulaLucia di Lammermoor (Fonè 1996 e Dynamic 2008), Linda di Chamounix (Teldec), Lodoïska (Sony), Cantata per Pio IX e La Morte di Didone (Decca), Adelaide di Borgogna (Warner Fonit), I Puritani (Nuova Era), La traviata (Bongiovanni), Adelia (edizione critica, Ricordi), Petite Messe Solennelle (Fonè), Lucrezia Borgia (Bongiovanni). Per le edizioni Stradivarius nel 2000 ha inciso Complete Chamber Songs di Giuseppe Verdi, insieme con Sergej Larin e Michele Pertusi. Tra i DVD ricordiamo: Marin Faliero, Lucia di Lammermoor, La Fille du Régiment, Maria Stuarda, e le due edizioni di Roberto Devereux, una del Teatro Real di Madrid e l’altra del Teatro Carlo Felice di Genova.

Canto